IL GGG

Pubblicato il 17/01/2017

VI SCRIVO LA MIA

Il GGG si mise all'opera, lavorò sodo e arrivò a finire il manoscritto. Timidamente lo mostrò alla Regina, che lo lesse a voce alta ai suoi nipotini. Quand'ebbe terminata la lettura disse:"Credo che bisognerebbe far stampare questo libro e pubblicarlo, in modo che anche gli altri bambini possano leggerlo". Così avvenne, ma siccome il GGG è un gigante molto modesto, non volle che il suo nome figurasse in copertina. Al suo posto si stampò quello di un altro. E ora forse domanderete dov'è finito il libro scritto dal GGG. Eccolo qui: avete appena terminato di leggerlo. 

E se voi lo leggerete insieme ai vostri figli succederanno tre cose: 

1. loro non dimenticheranno mai questo libro 

2. voi non dimenticherete mai questo libro 

3. se un giorno diventerete nonni inevitabilmente questo libro spunterà da uno scaffale per farsi leggere... E a quel punto succederanno tre cose...

IL CONTENUTO

Sofia non sta sognando quando vede oltre la finestra la sagoma di un gigante avvolto in un lungo mantello nero. È l'Ora delle Ombre e una mano enorme la strappa dal letto e la trasporta nel Paese dei Giganti. Come la mangeranno, cruda, bollita o fritta? Per fortuna il Grande Gigante Gentile, il GGG, è vegetariano e mangia solo cetrionzoli; non come i suoi terribili colleghi, l'Inghiotticicciaviva o il Ciuccia-budella, che ogni notte s'ingozzano di popolli, cioè di esseri umani. Per fermarli, Sofia e il GGG inventano un piano straordinario, in cui sarà coinvolta nientemeno che la Regina d'Inghilterra.